lunedì 15 agosto 2022

lunedì 1 agosto 2022

"Costola sarà lei!"- ed. Il Poligrafo




"Costola sarà lei!"- ed. Il Poligrafo è un libro uscito lo scorso anno per la collana Destini Incrociati diretta da Saveria Chemotti e che vede la partecipazione di studiose e giornaliste che hanno presentato ognuna con il proprio stile e fantasia storie di donne reali, passate, immaginarie, realizzate, insoddisfatte od ormai stanche.
 In questa raccolta di racconti si intrecciano, grazie alla narrazione di storie originali, riferimenti storici e fantasia, passato e presente, succede così di sentire la voce della Sibilla Cumana (Antonella Cilento) proprio lì in mezzo ai rifiuti del XXI secolo, di rivivere un mito d'altri tempi ai nostri di tempi con Circe e il suo Ulisse (Carla Menardo) di vedersi davanti agli occhi i gesti ed i pensieri di Matilde Serao
Qui il link per leggere i post
su Paolina Leopardi
(Donatella Trotta), Giulia Beccaria (Elianda Cazzorla), Paolina Leopardi (Michela Fregona), Carlotta Ferrari (Loredana Magazzeni) o di rivivere la vita segreta di Monique Bourgeois con Matisse (Emilia Bersabea Cirillo) o la tragedia di Elisabeth Eleanor Siddal (Barbara Codogno), ognuna di loro con la sua controparte maschile, in un dialogo di chiaroscuri in cui le donne emergono sempre.
Ma troviamo anche miti e personagge della letteratura che ci ricordano come la figura femminile è sempre stata specchio di una condizione reale che non sempre è migliorata nel tempo né nella società né in letteratura; come potrebbe? Ecco prender vita allora Fermina Daza (Ginevra Amadio) de "L'Amore ai tempi del colera" Daisy Fay (Marilia Mazzeo) del Grande Gatsby e perfino l'indimenticabile perfida infermiera di "Qualcuno volò sul nido del cuculo" che qui troverà una nuova identità (Federica Sgaggio) e addirittura Lady Oscar (Serena Uccello) anche loro accostate ai loro controaltari maschili perché anche nell'immaginazione e nella fantasia c'è rappresentata la vita.




COPYRIGHT dei contenuti dove non diversamente specificato

martedì 3 maggio 2022

La Giudicessa. Storia di Eleonora di Arborea- Rita Coruzzi




La Giudicessa.
Storia di Eleonora di Arborea.
Rita Coruzzi.



Abbiamo già parlato di Eleonora d'Arborea tempo fa per la sua straordinaria storia, esempio non solo femminile ma di gran governo in un tempo ed epoca assai difficili per chiunque governasse a maggior ragione per una donna. Eleonora d'Arborea ha incarnato un ruolo politico prima e storico in seguito che da secoli affascina. Ora un nuovo romanzo ne approfondisce la storia e la personalità per mano di Rita Coruzzi
Qui il link del post su 
Eleonora d'Arborea
che ne dà una lettura nuova ma mai avulsa dalla storicità del suo tempo.

Opportunità di Genere OG  ha voluto fare qualche domanda all'autrice di questo interessante romanzo che è solo l'ultimo della produzione storica di Rita Coruzzi.



Il romanzo su Eleonora d' Arborea é solo l'ultimo che hai scritto e che arriva dopo quelli su Matilde di Canossa e Giovanna d'Arco. Come é nato il tuo interesse nel voler raccontare le storie di donne, più in generale per il romanzo storico?

   Il mio interesse per le donne è qualcosa che ho sempre avuto, in quanto fin da adolescente ero convinta che la donna fosse il vero pilastro non solo della famiglia, ma dell’intera società. Poi studiando, leggendo romanzi storici e capendo la storia, mi sono resa conto che da sempre la donna è stata sottovalutata e dimenticata, ma che la sua figura è sempre stata determinante in ogni epoca storica e in ogni evoluzione del genere umano. Così ho capito di essere chiamata a questa missione, valorizzare le figure femminili della storia passata per portarle alla luce nel presente e farle conoscere, ricordare che sono esistite e che sono state forti, coraggiose e volitive e che con la loro storia hanno lasciato un segno nella grande Storia, determinando alcuni eventi fondamentali.


Eleonora d'Arborea, Matilde di Canossa e Giovanna d'Arco, tre grandi donne che hanno in comune la capacità di guidare, comandare...delle guerriere, donne forti é questo che ti ha guidato nell' averle scelte come soggetti dei tuoi scritti?


Sì, assolutamente. Una cosa che cerco nelle mie protagoniste è indubbiamente la loro forza di carattere, la loro volitività, il loro coraggio, ma soprattutto la loro capacità di adattarsi al cambiamento, di sacrificare i loro desideri e sogni personali per qualcosa’altro, per un ideale più alto, per il feudo, il popolo, la nazione. 

 Sono donne che, chiamate a fare qualcosa che sembra impossibile, dopo un momento di smarrimento iniziale, non oppongono resistenza alla chiamata, l’accettano e la incarnano dando il meglio di loro stesse, realizzandosi pienamente in un ruolo che mai avrebbero pensato potessero avere. Il mio desiderio è mostrare non tanto le loro imprese straordinarie, questo lo si può trovare in qualsiasi biografia e saggio storico, ma piuttosto come siano state donne normali, insicure, riluttanti ad accettare il loro destino, con dei loro sogni, dei desideri personali che hanno avuto la forza di mettere da parte. Il mio desiderio è che ai lettori arrivi il messaggio che si possono compiere imprese impensabili e straordinarie pur essendo persone normali. Per strada si può incontrare una Matilde di Canossa, o un’Eleonora di Arborea, una Giovanna d’Arco, solo che nessuno lo sa. Il mio desiderio sarebbe far arrivare ai lettori questa consapevolezza. La straordinarietà vive nella quotidianità. 


Perché per il tuo ultimo romanzo hai scelto proprio Eleonora d'Arborea, cosa ti ha colpito in particolare delle sua storia?


Eleonora di Arborea mi è stata fatta conoscere in Sardegna durante un festival storico avvenuto negli anni precedenti al Covid, Storicamente, a cui io ero stata invitata per presentare L’eretica di Dio, la storia di Giovanna d’Arco. Dopo la presentazione mi è stato fatto il nome di Eleonora di Arborea. Ammetto che non la conoscevo, non sapevo nemmeno della sua esistenza, ma quando mi hanno raccontato in breve la sua storia e cosa aveva fatto, ho capito che era la donna su cui avrei scritto il mio nuovo romanzo. Come spesso accade, non io ho scelto lei, ma lei ha scelto me. 

    Io ero alla ricerca di un nuovo personaggio, ed è stato come se Eleonora mi tendesse la mano, era la storia che cercavo, sconosciuta a molti, di una donna forte e volitiva che è stata guerriera senza mai brandire spada. Ha combattuto con la giustizia e soprattutto è stata un’innovatrice in quanto nel Medioevo ha emanato La Carta de Logu, un codice di leggi che insieme a disposizioni di vario tipo, tra cui agraria, mezzadria, pone particolare attenzione alle donne, soprattutto propone una legge a difesa di quelle stuprate, tema purtroppo ancora attualissimo, che nel Medioevo procurava tante morti, infatti le donne violentate si suicidavano in quanto non avevano futuro. Eleonora di Arborea invece, una volta diventata giudicessa cambia le cose, dà loro la possibilità di un futuro dignitoso, impedendone così la morte e rompendo gli schemi dell’epoca in cui la colpa era attribuita solo alla donna. Una lungimiranza fuori dal comune, una donna che ha visto ben oltre il suo presente, anticipando addirittura secoli futuri, una figura femminile che vale assolutamente la pena di conoscere, leggere, approfondire e amare. 


Quale aspetto in particolare, se c'è, di Eleonora d'Arborea hai voluto mettere in evidenza nel tuo romanzo? Che Eleonora d'Arborea emerge dalle tue pagine?


Di Eleonora ho voluto far emergere la donna dedita alla giustizia, alla legge, alla sua famiglia e alla sua terra di origine più di qualsiasi altra cosa al mondo. Ed è proprio questa passione, questo amore viscerale che lei ha per la sua Arborea, per il suo popolo, per i suoi genitori e in seguito marito e figli che la spinge a fare cose straordinarie e ad autoproclamarsi giudicessa. Sarebbe facile pensare che si autoproclama tale per auto incensarsi, per essere considerata superiore, ma in realtà è l’opposto, lei lo fa proprio perché non vuole essere considerata la Signora di Arborea, perché quel titolo spetta a suo figlio, il vero erede di cui lei governa in vece prima che lui abbia raggiunto l’età prevista. Prima di lui questo titolo spettava a suo padre, lei si rende conto che non potrà mai essere come un uomo, e non vuole esserlo, lei dà il suo contributo per la sua terra rimanendo se stessa, una donna interessata di legge, che tenta in tutti i modi di essere giusta e imparziale e che vuole migliorare la qualità della vita del suo popolo indistintamente, in modo che il figlio abbia un Giudicato fiorente e solido quando prenderà il suo posto come Giudice e signore di Arborea. 

    Eleonora rimane se stessa ed è proprio per questo che riesce a seguire così bene le sue idee, il suo destino, perché non si sforza di cambiare se stessa, ma mette in gioco se stessa a favore dell’Arborea e dei suoi figli. Questo la rende la prima donna di legge in Italia e in Europa, una donna normale che ha avuto un destino straordinario e al limite del proibitivo, un destino che tutti avrebbero detto impossibile da affrontare. 

Progetti futuri?

Per il futuro continuerò ad occuparmi delle donne che nella loro storia personale abbiano lasciato un segno e dato un contributo alla grande Storia. Per un fatto di prudenza, chiamiamola pure scaramanzia, preferiscono non entrare nei particolari dei miei progetti futuri, ma posso dire che ne ho e riguarderanno sempre la figura femminile. Ormai per me è molto più che un lavoro, è una missione che palpita dentro di me e che è diventato il fulcro propulsivo della mia esistenza. Concludo con una citazione: “La missione di uno scrittore è testimoniare un tempo che non ha vissuto” (Giuseppe Lupo, La breve storia del mio silenzio – candidato al Premio Bancarella 2020). Io continuerò a testimoniare un tempo e una condizione che non ho vissuto, al solo scopo di imparare che ho ancora molto da imparare.



COPYRIGHT dei contenuti dove non diversamente specificato