giovedì 21 aprile 2016

L'assenza-essenza di Charlotte






Oggi ricorre il bicentenario della nascita di Charlotte Brontë e la vogliamo celebrare parlando del nuovo libro edito da Fazi editore "Charlotte Brontë : una vita appassionata" di Lyndall Gordon che ci narra di nuovi scenari sulla sua figura di donna dell'epoca vittoriana e per riflesso sul suo talento di scrittrice.

Per quell'assioma tutto anglosassone del privato è pubblico seguendo un'analisi che la nota antropologa Ida Magli definiva "dell'assenza", cioè la necessità di recuperare il valore della mancanza delle donne nella società,quindi nella storia, studiando il ruolo delle donne nella vita quotidiana, ecco che dopo i decantati aspetti di delicatezza, di dolore e compostezza che hanno reso Charlotte un mito emblematico dell'età vittoriana, partendo proprio dalla sua quotidianità Lyndall approccia da un punto di vista anticonvenzionale la vita e le opere di Brontë rilevando che proprio dalla sua assenza, che manifestava anche nei gesti, come lo scrivere ad occhi chiusi, dal suo talento non riconosciuto, dall'atteggiamento di sufficienza dei suoi datori di lavoro presso cui faceva l'istitutrice, nasce il genio "ribelle", creativo di Brontë .


L'assenza diventa emblema esistenziale, e quindi essenza e presenza di Charlotte che ne trae l'occasione creatrice con cui dar sfogo alle sue capacità, tamponando l'assenza di documenti coevi ormai distrutti intenzionalmente, secondo Lyndall, proprio per suffragare l'immagine data dalle prime biografie, rilegge quindi le sue eroine per trovare quel guizzo ribelle e anti conformista della stessa Charlotte e scopriamo quindi una Charlotte inedita tutt'altro che remissiva ma anzi volitiva e soprattutto capace di sfruttare a proprio vantaggio un aspetto della cultura del suo tempo che piuttosto mortifica, penalizza ed esclude le donne soprattutto quelle che non corrispondono ai dettami dell'epoca e che hanno qualche genio... 




"Volevo parlare, crescere- era impossibile..."  







Ma noi invece ti ascoltiamo...Buon compleanno Charlotte!





"Charlotte Brontë: una vita appassionata"
 Lyndall Gordon, Fazi
editore, 2016, pagg. 500









4 commenti:

Valeria Altiero ha detto...

Ciao Nina, questo libro mi sembra interessante...leggere di Charlotte anche sotto altri aspetti è senza dubbio un arricchimento della conoscenza della sua persona. Ho visto che Fazi sta ripubblicando le sue opere...bella cosa!:)
Ieri è stata una giornata incredibile. Gli eventi per celebrare i 200 anni sono stati davvero tanti. Ho seguito un po' attraverso social..dalle letture ad alta voce ai tour nei suoi luoghi...per non parlare di graziose nonnine meravigliosamente vestire in abiti d'epoca in una sala da Tè!! Adorabili!!. Personalmente credo che Charlotte abbia davvero meritato tutto ciò e che mai avrebbe immaginato quando la sua vita isolata, dopo duecento anni, diventasse così globalizzata!:)
Buona giornata:)

Opportunità di Genere OG ha detto...

Hai ragione Valeria ho visto anche io tante iniziative in giro un po' ovunque, ma non ho avuto la fortuna e un po' l'abilità di parteciparvi ma sono sicura sia stato emozionante. Charlotte è la mia preferita e sono contenta che sia stata celebrata come merita. Un saluto e buon week end

infuso di riso ha detto...

ciao nina
delle sorelle bronte charlotte è la mia preferita...
la letteratura inglese ha una marcia in più lo ammetto:)
buon w.e
daniela

Opportunità di Genere OG ha detto...

Ciao cara Daniela...Charlotte è anche la mia preferita ;). Buon weekend, a presto.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...