lunedì 14 giugno 2021

Pia de' Tolomei- Da storia a Leggenda


Ci siamo già occupate di Pia de' Tolomei per il Dantedì e abbiamo visto come anche una scrittrice attenta alle mode del suo tempo, come Carolina Invernizio, abbia dedicato uno dei suoi primi romanzi proprio a questa figura così enigmatica di Dante nella Divina Commedia. E allora vediamo chi fu veramente e come da storia divenne leggenda, Pia de' Tolomei...

Post su Pia de' Tolomei per il Dantedì

Iʟ ᴍɪᴛᴏ ᴅɪ Pɪᴀ ᴅᴇ'Tᴏʟᴏᴍᴇɪ ᴛʀᴏᴠᴀ ɪʟ sᴜᴏ ᴠᴀᴛᴇ ɪɴ Dᴀɴᴛᴇ ᴍᴀ ʟᴀ sᴜᴀ ғᴀᴍᴀ ᴛʀᴏᴠᴀ ɴᴜᴏᴠᴏ ᴠɪɢᴏʀᴇ ɪɴ ᴘɪᴇɴᴏ Rᴏᴍᴀɴᴛɪᴄɪsᴍᴏ.
Lᴇ sᴄᴀʀsᴇ ɴᴏᴛɪᴢɪᴇ ᴄʜᴇ Dᴀɴᴛᴇ ɴᴇ ᴅᴀ̀ ɴᴇʟʟᴀ Dɪᴠɪɴᴀ Cᴏᴍᴍᴇᴅɪᴀ ᴘᴇʀᴍᴇᴛᴛᴏɴᴏ ᴀʟʟ'ᴇsᴛʀᴏ ᴅɪ sᴄʀɪᴛᴛᴏʀɪ, ᴘɪᴛᴛᴏʀɪ, ᴍᴜsɪᴄɪsᴛɪ ᴅɪ ɪɴᴛᴇʀᴘʀᴇᴛᴀʀʟᴀ ʟɪʙᴇʀᴀᴍᴇɴᴛᴇ ᴇ ɪɴғᴀᴛᴛɪ ᴅɪ Pɪᴀ ᴅᴇ'Tᴏʟᴏᴍᴇɪ ʀɪᴛʀᴏᴠɪᴀᴍᴏ ɴᴜᴍᴇʀᴏsɪ ǫᴜᴀᴅʀɪ ᴍᴀ ᴀɴᴄʜᴇ ᴏᴘᴇʀᴇ ʟɪʀɪᴄʜᴇ ᴇ sᴏɴᴇᴛᴛɪ. C'ᴇ̀ ᴜɴᴀ ᴠᴇʀᴀ ʀɪsᴄᴏᴘᴇʀᴛᴀ ᴅᴇʟʟᴀ ʟᴇɢɢᴇɴᴅᴀ ᴅɪ ǫᴜᴇsᴛᴀ sғᴏʀᴛᴜɴᴀᴛᴀ ᴅᴏɴɴᴀ ᴄʜᴇ ʀᴀᴄᴄᴏɴᴛᴀɴᴅᴏsɪ ᴀ Dᴀɴᴛᴇ ɴᴇʟ V ᴄᴀɴᴛᴏ ᴅᴇʟ Pᴜʀɢᴀᴛᴏʀɪᴏ ᴅɪᴄᴇ ᴘᴏᴄʜᴇ ᴛᴏᴄᴄᴀɴᴛɪ ᴘᴀʀᴏʟᴇ '𝑆𝑖𝑒𝑛𝑎 𝑚𝑖 𝑓𝑒' 𝑀𝑎𝑟𝑒𝑚𝑚𝑎 𝑚𝑖 𝑑𝑖𝑠𝑓𝑒𝑐𝑒' ᴇ ᴘʀᴇɢᴀ ɪʟ sᴏᴍᴍᴏ ᴘᴏᴇᴛᴀ ᴅɪ ɴᴏɴ ᴅɪᴍᴇɴᴛɪᴄᴀʀsɪ ᴅɪ ʟᴇɪ ᴇ ᴅɪ ᴘᴀʀʟᴀʀᴇ ᴀʟ ᴍᴏɴᴅᴏ ᴅᴇʟʟᴀ sᴜᴀ ᴠɪᴄᴇɴᴅᴀ.
Sɪ̀ ᴘᴇʀᴄʜᴇ́ Pɪᴀ ᴅᴇ'Tᴏʟᴏᴍᴇɪ sɪ ᴅɪᴄᴇ ᴄʜᴇ ғᴜ ɢᴇᴛᴛᴀᴛᴀ ᴅᴀ ᴜɴᴀ ғɪɴᴇsᴛʀᴀ Dᴇʟ Cᴀsᴛᴇʟʟᴏ ᴅɪ Pɪᴇᴛʀᴀ ɪɴ Mᴀʀᴇᴍᴍᴀ ᴅᴏᴠᴇ sᴜᴏ ᴍᴀʀɪᴛᴏ Nᴇʟʟᴏ ᴏ Pᴀɢᴀɴᴇʟʟᴏ ʟ'ᴀᴠᴇᴠᴀ ʀɪɴᴄʜɪᴜsᴀ ᴘᴇʀ ɢᴇʟᴏsɪᴀ ᴏ ᴘᴇʀᴄʜᴇ́ ɪɴᴠᴇᴄᴇ ᴠᴏʟᴇᴠᴀ ʀɪᴘᴏsᴀʀsɪ. Iɴ ᴏɢɴɪ ᴄᴀsᴏ ғᴜ ᴜɴᴀ ᴠɪᴛᴛɪᴍᴀ ɪɴɴᴏᴄᴇɴᴛᴇ.

Iɴ ʀᴇᴀʟᴛᴀ̀ ᴅɪ Pɪᴀ ᴅᴇ'Tᴏʟᴏᴍᴇɪ ɴᴏɴ sɪ sᴀ ᴍᴏʟᴛᴏ ᴇ ᴘʀᴏᴘʀɪᴏ ʟᴇ ᴘᴏᴄʜᴇ ɪɴғᴏʀᴍᴀᴢɪᴏɴɪ, ᴜɴ ᴘᴏ'sɪʙɪʟʟɪɴᴇ ɪɴ ᴠᴇʀɪᴛᴀ̀, ᴄʜᴇ Dᴀɴᴛᴇ ᴄɪ ʟᴀsᴄɪᴀ ɴᴇʟʟᴀ Dɪᴠɪɴᴀ ᴄᴏᴍᴍᴇᴅɪᴀ ʜᴀɴɴᴏ sᴏʟᴏ ʀᴇsᴏ ᴅɪғғɪᴄɪʟᴇ sᴛᴏʀɪᴄᴀᴍᴇɴᴛᴇ ᴛʀᴏᴠᴀʀᴇ ᴅᴇɪ ʀᴇsᴘᴏɴsɪ, ᴀʟɪᴍᴇɴᴛᴀɴᴅᴏ ᴄᴏsɪ̀ ʟᴀ ʟᴇɢɢᴇɴᴅᴀ.
Mᴏʟᴛᴇ ɴᴇʟ ᴛᴇᴍᴘᴏ sᴏɴᴏ sᴛᴀᴛᴇ ʟᴇ ɪᴘᴏᴛᴇsɪ, ɴᴇssᴜɴᴀ ᴍᴀɪ sᴜғғʀᴀɢᴀᴛᴀ ᴅᴀ ᴅᴏᴄᴜᴍᴇɴᴛɪ ᴇ ʀɪsᴄᴏɴᴛʀɪ sᴛᴏʀɪᴄɪ ᴘᴇʀ ᴄᴜɪ ʀɪᴍᴀɴɢᴏɴᴏ sᴏʟᴏ ᴛᴇsɪ.
C'ᴇ̀ ᴄʜɪ ᴠᴜᴏʟᴇ Pɪᴀ ᴅᴇ'Tᴏʟᴏᴍᴇɪ ᴇssᴇʀᴇ ʟᴀ ᴘʀɪᴍᴀ sᴘᴏsᴀ ᴅɪ Nᴇʟʟᴏ ᴅᴇɪ Pᴀɴɴᴏᴄᴄʜɪᴇsᴄʜɪ ᴅᴇʟʟᴀ Pɪᴇᴛʀᴀ, sɪɢɴᴏʀᴇ ᴅɪ Sɪᴇɴᴀ ᴇ Pᴏᴅᴇsᴛᴀ̀ ᴅɪ Vᴏʟᴛᴇʀʀᴀ ᴇ Lᴜᴄᴄᴀ ᴄʜᴇ ᴀᴘᴘᴜɴᴛᴏ ᴠɪᴇɴᴇ sᴀᴄʀɪғɪᴄᴀᴛᴀ ᴘᴇʀ ᴍᴏᴛɪᴠɪ ᴅɪ ɢᴇʟᴏsɪᴀ ᴏ ᴘᴇʀᴄʜᴇ́ Nᴇʟʟᴏ ᴏ Pᴀɢᴀɴᴇʟʟᴏ ᴀᴠᴇᴠᴀ ɪɴᴛᴇɴᴢɪᴏɴᴇ ᴅɪ ʀɪsᴘᴏsᴀʀsɪ. Iɴ ʀᴇᴀʟᴛᴀ̀ ɴᴏɴ ᴄɪ sᴏɴᴏ ᴘʀᴏᴠᴇ ᴄʜᴇ Nᴇʟʟᴏ sɪ sɪᴀ ᴍᴀɪ sᴘᴏsᴀᴛᴏ ᴄᴏɴ ᴜɴᴀ Pɪᴀ ᴛᴀɴᴛᴏ ᴍᴇɴᴏ ᴅᴇɪ Tᴏʟᴏᴍᴇɪ ғᴀᴍɪɢʟɪᴀ ɪɴ ᴄᴜɪ ᴀʟʟ'ᴇᴘᴏᴄᴀ ɴᴏɴ ᴇʀᴀ ᴘʀᴇsᴇɴᴛᴇ ɴᴇssᴜɴᴀ ᴅᴏɴɴᴀ ᴄʜɪᴀᴍᴀᴛᴀ Pɪᴀ.
C'ᴇ̀ ᴄʜɪ ᴀʟʟᴏʀᴀ ʜᴀ ᴘʀᴇsᴜᴘᴘᴏsᴛᴏ ᴄʜᴇ Pɪᴀ ᴅᴇ'Tᴏʟᴏᴍᴇɪ sɪᴀ ɪɴ ʀᴇᴀʟᴛᴀ̀ Pɪᴀ Mᴀʟᴠᴏʟᴛɪ ᴄʜᴇ ᴀɴᴅᴏ̀ sᴘᴏsᴀ ᴀᴅ ᴜɴ Tᴏʟᴏᴍᴇɪ ᴄʜᴇ ǫᴜᴇsᴛɪ ᴏʀᴅɪɴᴏ̀ ᴀ Nᴇʟʟᴏ ɪʟ ғᴇᴍᴍɪɴɪᴄɪᴅɪᴏ, ᴄʜɪ ᴀᴠᴀɴᴢᴀ ɪɴᴠᴇᴄᴇ ʟ'ɪᴘᴏᴛᴇsɪ ᴄʜᴇ Nᴇʟʟᴏ sɪ sᴘᴏsᴏ̀ ᴄᴏɴ Pɪᴀ Mᴀʟᴠᴏʟᴛɪ ᴠᴇᴅᴏᴠᴀ ᴅᴇɪ Tᴏʟᴏᴍᴇɪ... Tᴜᴛᴛᴇ sᴜᴘᴘᴏsɪᴢɪᴏɴɪ ᴄʜᴇ ᴀᴅ ᴏɢɢɪ ʀɪᴍᴀɴɢᴏɴᴏ sᴏʟᴏ ɪᴘᴏᴛᴇsɪ. Vᴇʀᴏ ᴇ̀ ᴄʜᴇ Dᴀɴᴛᴇ ɴᴏɴ ᴀᴠʀᴇʙʙᴇ ᴍᴀɪ ɪɴᴠᴇɴᴛᴀᴛᴏ ᴜɴᴀ sᴛᴏʀɪᴀ ᴄᴏsɪ̀ ᴅʀᴀᴍᴍᴀᴛɪᴄᴀ sᴇɴᴢᴀ ᴜɴ ғᴏɴᴅᴏ ᴅɪ ᴠᴇʀɪᴛᴀ̀.
Qᴜᴇʟʟᴏ ᴄʜᴇ ᴄɪ ʀᴇsᴛᴀ sᴏɴᴏ sᴏʟᴏ ᴘᴏᴄʜɪ sɪʙɪʟʟɪɴɪ sᴜʙʟɪᴍɪ ᴠᴇʀsɪ ᴅᴀɴᴛᴇsᴄʜɪ ᴇ ᴜɴᴀ ʟᴇɢɢᴇɴᴅᴀ ᴄʜᴇ sɪ ᴘᴇʀᴘᴇᴛᴜᴀ ᴇ ᴄʜᴇ ᴛʀᴏᴠᴇʀᴀ̀ ɴᴜᴏᴠᴀ ᴠɪᴛᴀ ɴᴇʟ Rᴏᴍᴀɴᴛɪᴄɪsᴍᴏ...


Pɪᴀ ᴅᴇɪ Tᴏʟᴏᴍᴇɪ ᴏ ʟᴀ sᴜᴀ ʟᴇɢɢᴇɴᴅᴀʀɪᴀ ғɪɴᴇ ᴅɪᴠᴇɴɴᴇʀᴏ ᴜɴ ᴇʟᴇᴍᴇɴᴛᴏ ɪᴍᴘʀᴇsᴄɪɴᴅɪʙɪʟᴇ ɴᴇʟʟ'ɪᴍᴍᴀɢɪɴᴀʀɪᴏ ᴏᴛᴛᴏᴄᴇɴᴛᴇsᴄᴏ, ɴᴜᴍᴇʀᴏsɪ ғᴜʀᴏɴᴏ ɪ ʀɪᴛʀᴀᴛᴛɪ ᴀ ʟᴇɪ ᴅᴇᴅɪᴄᴀᴛɪ ᴅᴀʟ sᴜᴏ ᴜʟᴛɪᴍᴏ ᴠɪᴀɢɢɪᴏ ᴅᴀ Sɪᴇɴᴀ ᴀʟʟᴀ Mᴀʀᴇᴍᴍᴀ, ᴀʟʟᴀ sᴜᴀ ᴘʀɪɢɪᴏɴɪᴀ, ᴀʟʟᴀ sᴜᴀ ᴅɪsᴘᴇʀᴀᴢɪᴏɴᴇ ᴇ ᴍᴏʀᴛᴇ. Mᴀ ᴍᴏʟᴛᴇ ғᴜʀᴏɴᴏ ᴀɴᴄʜᴇ ʟᴇ ᴏᴘᴇʀᴇ ᴀ ʟᴇɪ ᴅᴇᴅɪᴄᴀᴛᴇ ᴄᴏᴍᴇ ᴀᴅ ᴇsᴇᴍᴘɪᴏ ʟ'ᴏᴘᴇʀᴀ ʟɪʀɪᴄᴀ ᴅɪ Dᴏɴɪzᴇᴛᴛɪ ᴅᴇʟ 1837 sᴜ ʟɪʙʀᴇᴛᴛᴏ ᴅɪ Sᴀʟᴠᴀᴛᴏʀᴇ Cᴀᴍᴍᴀʀᴀɴᴏ ᴄʜᴇ sɪ ɪsᴘɪʀᴏ̀ ᴀᴅ ᴜɴᴀ, ғᴏʀsᴇ ʟᴀ ᴘʀɪᴍᴀ, ᴏᴘᴇʀᴀ ʟᴇᴛᴛᴇʀᴀʀɪᴀ ᴅᴇᴅɪᴄᴀᴛᴀ ᴀ Pɪᴀ ᴅᴇɪ Tᴏʟᴏᴍᴇɪ ǫᴜᴇʟʟᴀ ᴅɪ Bᴀʀᴛᴏʟᴏᴍᴇᴏ Sᴇsᴛɪni ᴅᴇʟ 1822.
Sᴇsᴛɪɴɪ ғᴜ ɪʟ ᴘʀɪᴍᴏ ɪɴ ᴇᴘᴏᴄᴀ ᴍᴏᴅᴇʀɴᴀ ᴀ ʀɪᴘʀᴇɴᴅᴇʀᴇ ʟᴀ 'ᴠɪsɪᴏɴᴇ' ᴅᴀɴᴛᴇsᴄᴀ; ᴀ ʟᴜɪ sɪ ᴅᴇᴠᴇ ᴜɴ'ᴀᴍʙɪᴇɴᴛᴀᴢɪᴏɴᴇ ɢᴏᴛɪᴄᴀ ᴅᴇʟʟᴀ sᴛᴏʀɪᴀ ᴅɪ Pɪᴀ ᴅᴇɪ Tᴏʟᴏᴍᴇɪ ᴇ ᴅᴇʟʟ'ᴀᴍᴏʀᴇ ɴᴏɴ ᴄᴏʀʀɪsᴘᴏsᴛᴏ ᴅᴇʟʟ'ᴀᴍɪᴄᴏ ғʀᴀᴛᴇʀɴᴏ ᴅᴇʟ ᴍᴀʀɪᴛᴏ ᴅɪ Pɪᴀ ᴄʜᴇ ᴘᴇʀᴄɪᴏ̀ ʟᴀ ᴄᴀʟᴜɴɴɪᴀ ᴄᴏɴᴅᴀɴɴᴀɴᴅᴏʟᴀ ᴅɪ ғᴀᴛᴛᴏ ᴀʟʟᴀ ᴍᴏʀᴛᴇ. Iʟ ᴍᴀʀɪᴛᴏ ᴅɪ ɴᴏᴛᴛᴇ, sᴜ sᴜɢɢᴇʀɪᴍᴇɴᴛᴏ ᴅᴇʟ sᴜᴏ ᴀᴍɪᴄᴏ ғʀᴀᴛᴇʀɴᴏ, sɪ ᴄᴏɴᴠɪɴᴄᴇ ᴅᴇʟ ᴛʀᴀᴅɪᴍᴇɴᴛᴏ ᴅɪ ʟᴇɪ ᴄʀᴇᴅᴇɴᴅᴏ ᴅɪ ᴠᴇᴅᴇʀʟᴀ ᴄᴏɴ ʟ'ᴀᴍᴀɴᴛᴇ ᴄʜᴇ ɪɴᴠᴇᴄᴇ ᴇ̀ ɪʟ ғʀᴀᴛᴇʟʟᴏ. Nᴇʟʟᴏ ǫᴜɪɴᴅɪ ᴘᴏʀᴛᴀ Pɪᴀ ᴠᴇʀsᴏ ʟᴇ ᴛᴇʀʀᴇ ᴅᴇʟʟᴀ Mᴀʀᴇᴍᴍᴀ, ɴᴇʟ Cᴀsᴛᴇʟʟᴏ ᴅɪ Pɪᴇᴛʀᴀ ᴅᴏᴠᴇ Pɪᴀ ᴛʀᴏᴠᴇʀᴀ̀ ʟᴀ ᴍᴏʀᴛᴇ. Qᴜᴀɴᴅᴏ Nᴇʟʟᴏ ᴀᴘᴘʀᴇɴᴅᴇʀᴀ̀ ʟᴀ ᴠᴇʀɪᴛᴀ̀ ᴇ ʟ'ɪɴɴᴏᴄᴇɴᴢᴀ ᴅɪ Pɪᴀ ɴᴏɴ ᴘᴏᴛʀᴀ̀ ᴏʀᴍᴀɪ ᴄʜᴇ ᴅɪsᴘᴇʀᴀʀsɪ.
Aʟᴛʀᴀ ᴏᴘᴇʀᴀ sᴀʀᴀ̀ ɪɴ sᴇɢᴜɪᴛᴏ ǫᴜᴇʟʟᴀ ɪɴ ᴏᴛᴛᴀᴠᴇ ᴅɪ Gɪᴜsᴇᴘᴘᴇ Mᴏʀᴏɴɪ ᴅᴇʟ 1873 ᴍᴀ ʟᴀ ɴᴀᴛᴜʀᴀ ɪɴ ʀɪᴍᴀ ɴᴏɴ ᴘᴇʀᴍᴇᴛᴛᴇ ᴀʟʟᴏ sᴄʀɪᴛᴛᴏʀᴇ ᴅɪ sᴠɪʟᴜᴘᴘᴀʀᴇ ʟᴀ sᴛᴏʀɪᴀ ʀɪᴘʀᴇɴᴅᴇɴᴅᴏ ᴅɪ ғᴀᴛᴛᴏ ɢʟɪ ᴇʟᴇᴍᴇɴᴛɪ ᴘɪᴜ̀ ᴘɪᴛᴛᴏʀᴇsᴄʜɪ ᴄʜᴇ Sᴇsᴛɪɴɪ ᴀᴠᴇᴠᴀ ᴘᴇʀ ᴘʀɪᴍᴏ ᴘᴇɴsᴀᴛᴏ ᴘᴇʀ ʟᴀ ᴠɪᴄᴇɴᴅᴀ ᴅɪ Pɪᴀ. Qᴜɪ Pɪᴀ ᴇ̀ ᴜɴᴀ ғɪɢᴜʀᴀ ᴀɴɢᴇʟɪᴄᴀᴛᴀ, ғʀᴀɢɪʟᴇ ᴄʜᴇ ᴍᴜᴏʀᴇ ᴅɪ ɪɴᴇʀᴢɪᴀ ʀɪɴᴄʜɪᴜsᴀ ɴᴇʟ Cᴀsᴛᴇʟʟᴏ ɪɴ Mᴀʀᴇᴍᴍᴀ ᴍᴀ ᴄʜᴇ ᴠɪᴇɴᴇ ᴄᴏᴍᴘʟᴇᴛᴀᴍᴇɴᴛᴇ ʀɪᴀʙɪʟɪᴛᴀᴛa ᴅᴀʟʟᴀ ᴄᴏɴғᴇssɪᴏɴᴇ ᴅᴇʟʟ'ᴀᴍɪᴄᴏ ғʀᴀᴛᴇʀɴᴏ ᴅɪ Nᴇʟʟᴏ ᴄʜᴇ ᴄᴏʟᴛᴏ ᴅᴀɪ ʀɪᴍᴏʀsɪ ᴄᴏɴғᴇssᴀ ʟ'ɪɴɢᴀɴɴᴏ. Qᴜᴇsᴛᴀ ʙᴀʟʟᴀᴛᴀ ᴇʙʙᴇ ᴜɴ ᴇɴᴏʀᴍᴇ sᴜᴄᴄᴇssᴏ ᴘʀᴇssᴏ ǫᴜᴇʟʟᴇ ᴢᴏɴᴇ ᴘɪᴜ̀ ʀᴜʀᴀʟɪ ᴅᴏᴠᴇ ᴅɪᴠᴇɴɴᴇ ᴜɴᴀ ᴠᴇʀᴀ ᴇ ᴘʀᴏᴘʀɪᴀ ᴄᴀɴᴛɪʟᴇɴᴀ ᴛʀᴀᴍᴀɴᴅᴀᴛᴀ ᴅɪ ɢᴇɴᴇʀᴀᴢɪᴏɴᴇ ɪɴ ɢᴇɴᴇʀᴀᴢɪone ᴛʀᴀ ɪ ᴄᴏɴᴛᴀᴅɪɴɪ, ʙᴏsᴄᴀɪᴏʟɪ ᴇ ʟᴇ ᴅᴏɴɴᴇ ɴᴇɪ ᴄᴀᴍᴘɪ. Aɴᴄᴏʀᴀ ᴏɢɢɪ ɪɴ ǫᴜᴇʟʟᴇ ᴢᴏɴᴇ ᴄɪ sᴏɴᴏ ᴘᴇʀsᴏɴᴇ ᴛʀᴀ ɪ ᴘɪᴜ̀ ᴀɴᴢɪᴀɴɪ ᴄʜᴇ ʀɪᴄᴏʀᴅᴀɴᴏ ᴇ sᴀɴɴᴏ ᴀ ᴍᴇᴍᴏʀɪᴀ ǫᴜᴇʟʟᴀ ᴄʜᴇ ᴘᴇʀ ʟᴏʀᴏ ᴇ̀ sᴏʟᴏ ᴜɴᴀ ᴀɴᴛɪᴄᴀ ᴄᴀɴᴢᴏɴᴇ ᴅᴇɪ ᴄᴀᴍᴘɪ.


Lᴀ sᴛᴏʀɪᴀ ᴅɪ Pɪᴀ ᴅᴇ'Tᴏʟᴏᴍᴇɪ ᴇ̀ ᴄᴏᴍᴇ ᴠɪsᴛᴏ ᴀɴᴄᴏʀᴀ ᴍᴏʟᴛᴏ ᴠɪᴠᴀ ᴘʀᴇssᴏ ʟᴀ ᴘᴏᴘᴏʟᴀᴢɪᴏɴᴇ ᴅᴇʟʟᴀ ᴢᴏɴᴀ ᴍᴀʀᴇᴍᴍᴀɴᴀ ᴄʜᴇ ᴀɴᴄᴏʀᴀ ᴄᴏɴᴏsᴄᴇ ʟᴀ sᴜᴀ ᴠɪᴄᴇɴᴅᴀ ɢʀᴀᴢɪᴇ ᴀʟʟᴀ ᴄᴀɴᴢᴏɴᴇ ᴅɪ ᴛʀᴀᴅɪᴢɪᴏɴᴇ ᴏʀᴀʟᴇ ᴅᴇʟʟ'ᴏᴛᴛᴏᴄᴇɴᴛᴏ sᴄʀɪᴛᴛᴀ ᴅᴀ Mᴏʀᴏɴɪ ᴄᴏsɪ̀ ᴠɪᴠᴀ ᴄʜᴇ ᴀɴᴄᴏʀᴀ ᴏɢɢɪ ᴇ̀ ғᴏɴᴛᴇ ᴅɪ ɪsᴘɪʀᴀᴢɪᴏɴᴇ. Nᴇʟ 2007 ʟᴀ sᴇɴᴇsᴇ Gɪᴀɴɴᴀ Nᴀɴɴɪɴɪ ʟᴇ ʜᴀ ᴅᴇᴅɪᴄᴀᴛᴏ ᴜɴ ɪɴᴛᴇʀᴏ ᴀʟʙᴜᴍ ᴄᴏɴ ʙᴇɴ 11 ʙʀᴀɴɪ ᴄʜᴇ ɴᴇ ʀɪᴘᴇʀᴄᴏʀʀᴏɴᴏ ʟᴀ ᴅʀᴀᴍᴍᴀᴛɪᴄᴀ ᴠɪᴄᴇɴᴅᴀ ɪɴ 'Pɪᴀ ᴄᴏᴍᴇ ʟᴀ ᴄᴀɴᴛᴏ ɪᴏ' ᴀ ᴄᴜɪ ʟ'ᴀɴɴᴏ sᴇɢᴜᴇɴᴛᴇ ғᴇᴄᴇ sᴇɢᴜɪʀᴇ ᴜɴ Mᴜsɪᴄᴀʟ ɪɴᴛɪᴛᴏʟᴀᴛᴏ 'Lᴀ ᴅᴏʟᴇɴᴛᴇ Pɪᴀ'.

Aɴᴄʜᴇ Cᴀʀᴏʟɪɴᴀ Iɴᴠᴇʀɴɪᴢɪᴏ sᴇᴍᴘʀᴇ ᴀᴛᴛᴇɴᴛᴀ ᴀ ᴄɪᴏ̀ ᴄʜᴇ ᴘᴏᴛᴇᴠᴀ ᴄᴏʟᴘɪʀᴇ ᴇᴅ ɪɴᴛᴇʀᴇssᴀʀᴇ ɪʟ ᴘᴜʙʙʟɪᴄᴏ ʀɪᴘʀᴇɴᴅᴇ ǫᴜᴇsᴛᴏ ᴛᴏᴘᴏs ʟᴇᴛᴛᴇʀᴀʀɪᴏ ᴅᴇʟ Rᴏᴍᴀɴᴛɪᴄɪsᴍᴏ ᴇ ɴᴇ ғᴀ ᴜɴ ᴘɪᴄᴄᴏʟᴏ ᴄᴀᴘᴏʟᴀᴠᴏʀᴏ.

Pɪᴀ ᴅᴇ'Tᴏʟᴏᴍᴇɪ ᴇ̀ ᴜɴᴀ ᴅᴇʟʟᴇ sᴜᴇ ᴘʀɪᴍᴇ ᴏᴘᴇʀᴇ ᴇsᴄᴇ ɪɴғᴀᴛᴛɪ ɴᴇʟ 1882 ᴘᴇʀ Eᴅɪᴢɪᴏɴɪ Bᴀʀɪᴏɴ ǫᴜᴀɴᴅᴏ ᴀɴᴄᴏʀᴀ ᴅᴇᴠᴇ ǫᴜɪɴᴅɪ ɴᴀsᴄᴇʀᴇ ʟᴀ sᴜᴀ ᴅᴜʀᴀᴛᴜʀᴀ ᴄᴏʟʟᴀʙᴏʀᴀᴢɪᴏɴᴇ ᴄᴏɴ L'ᴇᴅɪᴛᴏʀᴇ Sᴀʟᴀɴɪ. Cᴀʀᴏʟɪɴᴀ Iɴᴠᴇʀɴɪᴢɪᴏ ᴅᴇsᴄʀɪᴠᴇʀᴀ̀ ɪ sᴜᴏɪ ʟɪʙʀɪ ᴄᴏᴍᴇ sᴏᴄɪᴏ_sᴛᴏʀɪᴄɪ ᴇ ǫᴜɪɴᴅɪ ǫᴜᴇsᴛᴏ ᴅᴇɢʟɪ ɪɴɪᴢɪ sᴀʀᴀ̀ ʟ'ᴜɴɪᴄᴏ ʀᴏᴍᴀɴᴢᴏ sᴛᴏʀɪᴄᴏ ᴄʜᴇ sᴄʀɪᴠᴇʀᴀ̀. Iɴ ʀᴇᴀʟᴛᴀ̀ ᴄᴏᴍᴇ ᴠɪsᴛᴏ ʟᴀ sᴛᴏʀɪᴀ ᴅɪ Pɪᴀ ᴅᴇɪ Tᴏʟᴏᴍᴇɪ ᴏʀᴍᴀɪ ᴇ̀ ᴇɴᴛʀᴀᴛᴀ ɴᴇʟʟᴀ ʟᴇɢɢᴇɴᴅᴀ ᴇ ʀɪsᴘᴏɴᴅᴇ ᴀ ᴅᴇɪ sᴜᴏɪ ᴄᴀɴᴏɴɪ ᴀ ᴄᴜɪ ᴛᴜᴛᴛᴀᴠɪᴀ Iɴᴠᴇʀɴɪᴢɪᴏ ᴅᴏɴᴀ ǫᴜᴇɢʟɪ ᴇʟᴇᴍᴇɴᴛɪ ᴄᴀʀᴀᴛᴛᴇʀɪsᴛɪᴄɪ ᴅᴇɪ sᴜᴏɪ ʀᴏᴍᴀɴᴢɪ ᴄʜᴇ ᴛᴀɴᴛᴏ ᴘɪᴀᴄᴇʀᴀɴɴᴏ ᴇ ᴀᴠʀᴀɴɴᴏ ᴘʀᴇsᴀ ɴᴇʟ ᴘᴜʙʙʟɪᴄᴏ ᴅᴇɪ sᴜᴏɪ ᴇ ᴅᴇʟʟᴇ sᴜᴇ ʟᴇᴛᴛʀɪᴄɪ, ᴅᴇᴄʀᴇᴛᴀɴᴅᴏ ᴜɴᴏ sᴛʀᴀᴏʀᴅɪɴᴀʀɪᴏ sᴜᴄᴄᴇssᴏ.
Rɪᴘʀᴇɴᴅᴇ ᴀʟᴄᴜɴɪ ᴇʟᴇᴍᴇɴᴛɪ ᴄʜᴇ ɢɪᴀ̀ Sᴇsᴛɪɴɪ ᴀᴠᴇᴠᴀ ᴏʀᴍᴀɪ ʀᴇsᴏ ᴘᴏᴘᴏʟᴀʀɪ ᴄᴏᴍᴇ ʟ'ᴇᴛᴇʀɴᴏ sᴄᴏɴᴛʀᴏ ᴛʀᴀ ғᴀᴢɪᴏɴɪ ᴅɪ ɢᴜᴇʟғɪ ᴇ ɢʜɪʙᴇʟʟɪɴɪ ᴇ ʟᴇ ᴇᴛᴇʀɴᴇ ʟᴏᴛᴛᴇ ᴛʀᴀ Fɪʀᴇɴᴢᴇ ᴇ Sɪᴇɴᴀ, ʟ'ɪɴғᴇᴅᴇʟᴛᴀ̀ ᴅᴇʟʟ'ᴀᴍɪᴄᴏ ғʀᴀᴛᴇʀɴᴏ ᴅɪ Nᴇʟʟᴏ, ᴄʜᴇ ǫᴜɪ ᴘʀᴇɴᴅᴇ ɪʟ ɴᴏᴍᴇ ᴅɪ Rɪɴᴀʟᴅᴏ ᴇ ʟᴀ ᴘʀᴇsᴇɴᴢᴀ ᴅɪ ᴜɴ ᴇʀᴇᴍɪᴛᴀ ᴀ ᴄᴜɪ Pɪᴀ ɴᴇʟʟ'ᴜʟᴛɪᴍᴏ ᴅᴇɪ sᴜᴏɪ ɢɪᴏʀɴɪ ᴅᴀʀᴀ̀ ɪɴ ᴘᴇɢɴᴏ ᴅɪ ɪɴɴᴏᴄᴇɴᴢᴀ ɪʟ sᴜᴏ ᴀɴᴇʟʟᴏ ɴᴜᴢɪᴀʟᴇ ᴇ ᴜɴᴀ sᴜᴀ ᴄɪᴏᴄᴄᴀ ᴅɪ ᴄᴀᴘᴇʟʟɪ. Mᴀ ᴀ ǫᴜᴇsᴛɪ ᴇʟᴇᴍᴇɴᴛɪ Iɴᴠᴇʀɴɪᴢɪᴏ ᴀɢɢɪᴜɴɢᴇ ᴛᴜᴛᴛᴏ ɪʟ sᴜᴏ ɪɴᴄᴏɴғᴏɴᴅɪʙɪʟᴇ sᴛɪʟᴇ, ɢᴏᴛɪᴄᴏ, ᴇ ʀɪᴄᴄʜɪ ᴄᴏʟᴘɪ ᴅɪ sᴄᴇɴᴀ... ᴀʟʟᴀ Cᴀʀᴏʟɪɴᴀ Iɴᴠᴇʀɴɪᴢɪᴏ!
Cɪ ᴘʀᴇsᴇɴᴛᴀ ɪ ᴘʀᴏᴛᴀɢᴏɴɪsᴛɪ ᴠᴇʀɪ, Pɪᴀ ᴅᴇ'Tᴏʟᴏᴍᴇɪ ᴇ sᴏᴘʀᴀᴛᴛᴜᴛᴛᴏ ʟ'ᴀᴍɪᴄᴏ ɪɴғᴇᴅᴇʟᴇ ᴀʀᴛᴇғɪᴄᴇ ᴅᴇʟʟᴀ ᴍᴏʀᴛᴇ ᴅᴇʟʟ'ɪɴғᴀᴜsᴛᴏ ᴅᴇsᴛɪɴᴏ ᴅɪ Pɪᴀ.

Lᴀ Pɪᴀ ᴅᴇ'Tᴏʟᴏᴍᴇɪ ᴅɪ Cᴀʀᴏʟɪɴᴀ Iɴᴠᴇʀɴɪᴢɪᴏ ɴᴏɴ ᴘᴇʀᴅᴇ ʟ'ᴀᴜʀᴇᴀ ᴀɴɢᴇʟɪᴄᴀᴛᴀ ᴄʜᴇ ʟᴀ ᴛʀᴀᴅɪᴢɪᴏɴᴇ ᴠᴜᴏʟᴇ ᴇ ᴄᴇʀᴄᴀ ᴍᴀ ʟᴀ ɴᴜᴛʀᴇ ᴅɪ ᴠɪɢᴏʀᴇ ᴇ ᴄᴏʀᴀɢɢɪᴏ, ɪɴᴛʀᴏᴅᴜᴄᴇɴᴅᴏᴄᴇʟᴀ ᴄᴏsɪ̀ ᴄᴇ ʟᴀ ᴅᴇsᴄʀɪᴠᴇ ᴀʟʟ'ɪɴɪᴢɪᴏ ᴅᴇʟ ʟɪʙʀᴏ '𝑼𝒔𝒄𝒊𝒕𝒂 𝒅𝒂 𝒖𝒏𝒂 𝒅𝒆𝒍𝒍𝒆 𝒑𝒊𝒖̀ 𝒏𝒐𝒃𝒊𝒍𝒊 𝒆 𝒓𝒊𝒄𝒄𝒉𝒆 𝒇𝒂𝒎𝒊𝒈𝒍𝒊𝒆 𝒅𝒊 𝑺𝒊𝒆𝒏𝒂, 𝑷𝒊𝒂 𝒅𝒆'𝑻𝒐𝒍𝒐𝒎𝒆𝒊 𝒇𝒊𝒏 𝒅𝒂𝒊 𝒑𝒊𝒖̀ 𝒕𝒆𝒏𝒆𝒓𝒊 𝒂𝒏𝒏𝒊 𝒇𝒖 𝒍𝒂 𝒈𝒊𝒐𝒊𝒂 𝒅𝒆𝒈𝒍𝒊 𝒂𝒎𝒊𝒄𝒊 𝒆 𝒅𝒆𝒍𝒍𝒂 𝒇𝒂𝒎𝒊𝒈𝒍𝒊𝒂 𝒑𝒆𝒓 𝒍' 𝒊𝒏𝒅𝒐𝒍𝒆 𝒂𝒇𝒇𝒆𝒕𝒕𝒖𝒐𝒔𝒂, 𝒍'𝒊𝒏𝒕𝒆𝒍𝒍𝒊𝒈𝒆𝒏𝒛𝒂 𝒆𝒍𝒆𝒗𝒂𝒕𝒂; 𝒍𝒂 𝒎𝒆𝒓𝒂𝒗𝒊𝒈𝒍𝒊𝒂 𝒅𝒊 𝒕𝒖𝒕𝒕𝒊 𝒑𝒆𝒓 𝒍𝒂 𝒃𝒆𝒍𝒍𝒆𝒛𝒛𝒂 𝒔𝒒𝒖𝒊𝒔𝒊𝒕𝒂 𝒅𝒆𝒍 𝒗𝒐𝒍𝒕𝒐, 𝒍𝒂 𝒑𝒆𝒓𝒇𝒆𝒕𝒕𝒂 𝒆𝒍𝒆𝒈𝒂𝒏𝒛𝒂 𝒅𝒆𝒍𝒍𝒂 𝒑𝒆𝒓𝒔𝒐𝒏𝒂' (pag. 9). Qᴜᴀɴᴅᴏ ᴘᴏɪ Uɢᴏ, ʟ'ᴀᴍɪᴄᴏ ғʀᴀᴛᴇʀɴᴏ ᴅᴇʟ Cᴏɴᴛᴇ Rɪɴᴀʟᴅᴏ ʀɪᴍᴀsᴛᴏ ᴀ ɢᴜᴀʀᴅɪᴀ ᴅᴇʟ Cᴀsᴛᴇʟʟᴏ ᴇ ᴅɪ Pɪᴀ ᴘᴇʀ ᴠᴏʟᴏɴᴛᴀ̀ ᴅᴇʟ Cᴏɴᴛᴇ sᴛᴇssᴏ, ʟᴇ sɪ ᴅɪᴄʜɪᴀʀᴀ ᴄᴏɴ ᴛʀᴏᴘᴘᴀ ᴠᴇᴇᴍᴇɴᴢᴀ ᴇ sᴘᴀᴠᴀʟᴅᴇʀɪᴀ, Pɪᴀ ʟᴏ sᴄᴀᴄᴄɪᴀ ᴘɪᴜ̀ ᴠᴏʟᴛᴇ sᴇɴᴢᴀ ᴘᴀᴜʀᴀ ᴍᴀ ᴄᴏɴ ғᴏʀᴛᴇ ʀɪsᴏʟᴜᴛᴇᴢᴢᴀ '𝑈𝑛 𝑐𝑜𝑟𝑎𝑔𝑔𝑖𝑜 𝑠𝑜𝑣𝑟𝑢𝑚𝑎𝑛𝑜 𝑙𝑒 𝑏𝑟𝑖𝑙𝑙𝑎𝑣𝑎 𝑛𝑒𝑔𝑙𝑖 𝑜𝑐𝑐ℎ𝑖, 𝑖𝑛 𝑡𝑢𝑡𝑡𝑎 𝑙𝑎 𝑝𝑒𝑟𝑠𝑜𝑛𝑎:𝑙𝑒 𝑛𝑎𝑟𝑖𝑐𝑖 𝑎𝑝𝑒𝑟𝑡𝑒 𝑠𝑢𝑠𝑠𝑢𝑙𝑡𝑎𝑣𝑎𝑛𝑜, 𝑖 𝑐𝑎𝑝𝑒𝑙𝑙𝑖 𝑠𝑐𝑖𝑜𝑙𝑡𝑖 𝑙𝑒 𝑓𝑟𝑒𝑚𝑒𝑣𝑎𝑛𝑜 𝑑𝑖𝑒𝑡𝑟𝑜 𝑙𝑒 𝑠𝑝𝑎𝑙𝑙𝑒. 𝑉𝑖𝑣𝑎 𝑜 𝑚𝑜𝑟𝑡𝑎 𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑒𝑟𝑎 𝑟𝑖𝑠𝑜𝑙𝑢𝑡𝑎 𝑎 𝑟𝑒𝑠𝑡𝑎𝑟𝑒 𝑓𝑒𝑑𝑒𝑙𝑒 𝑎 R𝑖𝑛𝑎𝑙𝑑𝑜' (𝑝𝑎𝑔. 42). E, sᴇᴘᴘᴜʀ ᴀ ᴘɪᴜ̀ ʀɪᴘʀᴇsᴇ, ɪɴᴠɪᴛᴀ ʟ'ɪɴɢʀᴀᴛᴏ ᴀᴍɪᴄᴏ ғʀᴀᴛᴇʀɴᴏ ᴀ ʟᴀsᴄɪᴀʀʟᴀ ᴅᴀ sᴏʟᴀ '𝑁𝑜 𝑛𝑜𝑛 𝑣𝑖 𝑠𝑓𝑖𝑑𝑜, 𝑛𝑜𝑛 𝑣𝑖 𝑜𝑑𝑖𝑜, 𝑣𝑖 𝑑𝑖𝑠𝑝𝑟𝑒𝑧𝑧𝑜... 𝑢𝑠𝑐𝑖𝑡𝑒!' (pag. 43).


Uɢᴏ, ʟ'ᴀᴍɪᴄᴏ ғʀᴀᴛᴇʀɴᴏ ɪɴ ʀᴇᴀʟᴛᴀ̀ sᴇɢʀᴇᴛᴀᴍᴇɴᴛᴇ ɪɴɴᴀᴍᴏʀᴀᴛᴏ ᴅɪ Pɪᴀ ᴅᴀɪ ᴅᴜᴇʟʟɪ ᴄᴀᴠᴀʟʟᴇʀᴇsᴄʜɪ ǫᴜᴀɴᴅᴏ ᴅᴀ ɢɪᴏᴠᴀɴɪssɪᴍᴏ ᴘᴇʀ ᴅɪʟᴇᴛᴛᴏ sғɪᴅᴀvᴀ ʟᴀ sᴏʀᴛᴇ ᴇ sɪ sᴇɴᴛɪᴠᴀ ɢɪᴏᴠᴀɴᴇ ᴇ ɪɴᴠɪɴᴄɪʙɪʟᴇ sᴇɴᴢᴀ ᴄʜᴇ ɪʟ sᴜᴏ ᴄᴜᴏʀᴇ ᴘᴏᴛᴇssᴇ ᴇssᴇʀᴇ ʟᴇɢᴀᴛᴏ ᴀ ɴᴇssᴜɴᴀ ғɪɴᴄʜᴇ́ ɴᴏɴ sɪ ᴀᴠᴠᴇᴅᴇ ᴅɪ Pɪᴀ ᴇ sᴇ ɴᴇ ɪɴɴᴀᴍᴏʀᴀ ᴘᴇʀᴅᴜᴛᴀᴍᴇɴᴛᴇ. Rɪɴᴀʟᴅᴏ ʟᴏ sᴀʟᴠᴀ ᴅᴀʟʟᴀ ᴘʀɪɢɪᴏɴɪᴀ ᴄᴏʟᴘɪᴛᴏ ᴅᴀʟ sᴜᴏ ᴠᴀʟᴏʀᴇ ᴇ ᴅᴀ ᴀʟʟᴏʀᴀ ʟᴏ ʀᴇᴘᴜᴛᴀ ᴄᴏᴍᴇ ᴜɴ ғʀᴀᴛᴇʟʟᴏ ᴄʜᴇ ʟᴏ ʀɪᴄᴀᴍʙɪᴀ ᴄᴏɴ ɪɴғɪɴɪᴛᴀ ɢʀᴀᴛɪᴛᴜᴅɪɴᴇ ᴀᴠᴇɴᴅᴏɢʟɪ sᴀʟᴠᴀᴛᴏ ʟᴀ ᴠɪᴛᴀ. Mᴀ ǫᴜᴀɴᴅᴏ Uɢᴏ ᴀᴘᴘʀᴇɴᴅᴇ ʟᴀ ɴᴏᴛɪᴢɪᴀ ᴅᴇʟʟᴇ ɴᴏᴢᴢᴇ ᴛʀᴀ Rɪɴᴀʟᴅᴏ ᴇ Pɪᴀ ᴇ̀ ᴄᴏᴍᴇ sᴇ ᴠɪᴠᴇssᴇ ɴᴇʟ ʀᴀɴᴄᴏʀᴇ ᴅɪ ᴜɴ'ɪᴘᴏᴛᴇᴛɪᴄᴀ ɪɴɢɪᴜsᴛɪᴢɪᴀ '𝑃𝑒𝑟 𝑙𝑜 𝑠𝑝𝑎𝑧𝑖𝑜 𝑑𝑖 𝑠𝑒𝑖 𝑎𝑛𝑛𝑖 𝑈𝑔𝑜 𝑣𝑖𝑠𝑠𝑒 𝑛𝑒𝑙 𝑝𝑎𝑙𝑎𝑧𝑧𝑜 𝑑𝑒𝑙 𝐶𝑜𝑛𝑡𝑒,..., 𝑟𝑒𝑠𝑝𝑖𝑟𝑎𝑛𝑑𝑜 𝑙' 𝑎𝑟𝑖𝑎 𝑠𝑡𝑒𝑠𝑠𝑎 𝑟𝑒𝑠𝑝𝑖𝑟𝑎𝑡a 𝑑𝑎 𝑃𝑖𝑎, 𝑝𝑎𝑠𝑠𝑎𝑛𝑑𝑜 𝑙𝑢𝑛𝑔ℎ𝑒 𝑜𝑟𝑒 𝑎 𝑐𝑜𝑛𝑡𝑒𝑚𝑝𝑙𝑎𝑟𝑙𝑎 𝑠𝑒𝑛𝑧𝑎 𝑐ℎ𝑒 𝑛𝑒𝑠𝑠𝑢𝑛𝑜 𝑙𝑜 𝑣𝑒𝑑𝑒𝑠𝑠𝑒, 𝑑𝑖𝑣𝑜𝑟𝑎𝑛𝑑𝑜 𝑖𝑛 𝑠𝑖𝑙𝑒𝑛𝑧𝑖𝑜 𝑙𝑒 𝑠𝑢𝑒 𝑙𝑎𝑐𝑟𝑖𝑚𝑒, 𝑙𝑒 𝑠𝑢𝑒 𝑔𝑒𝑙𝑜𝑠𝑖𝑒... ' (pag. 26).
Uɢᴏ ᴘʀᴇɴᴅᴇ sᴘᴇssᴏ ᴄᴏɴɴᴏᴛᴀᴢɪᴏɴɪ ᴅᴇᴍᴏɴɪᴀᴄʜᴇ ɴᴇɪ ɢᴇsᴛɪ ᴇ ɴᴇʟʟᴇ ғᴀᴛᴛᴇᴢᴢᴇ '... 𝐼𝑙 𝑠𝑢𝑜 𝑣𝑖𝑠𝑜 𝑝𝑟𝑒𝑠𝑒 𝑢𝑛 𝑎𝑠𝑝𝑒𝑡𝑡𝑜 𝑓𝑒𝑟𝑜𝑐𝑒, 𝑠𝑝𝑎𝑣𝑒𝑛𝑡𝑒𝑣𝑜𝑙𝑒' (𝑝𝑎𝑔. 46)
'𝑈𝑔𝑜 𝑒𝑟𝑎 𝑢𝑛𝑜 𝑑𝑖 𝑞𝑢𝑒𝑖 𝑑𝑒𝑙𝑖𝑛𝑞𝑢𝑒𝑛𝑡𝑖 𝑖 𝑞𝑢𝑎𝑙𝑖 𝑢𝑛𝑎 𝑣𝑜𝑙𝑡𝑎 𝑚𝑒𝑑𝑖𝑡𝑎𝑡𝑜 𝑢𝑛 𝑑𝑒𝑙𝑖𝑡𝑡𝑜 𝑣𝑎𝑛𝑛𝑜 𝑓𝑖𝑛𝑜 𝑖𝑛 𝑓𝑜𝑛𝑑𝑜 𝑐ℎ𝑖𝑢𝑑𝑒𝑛𝑑𝑜 𝑔𝑙𝑖 𝑜𝑐𝑐ℎ𝑖 𝑒 𝑙𝑒 𝑜𝑟𝑒𝑐𝑐ℎ𝑖𝑒 𝑎𝑑 𝑜𝑔𝑛𝑖 𝑟𝑖𝑚𝑏𝑟𝑜𝑡𝑡𝑜 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑐𝑜𝑠𝑐𝑖𝑒𝑛𝑧𝑎' (𝑝𝑎𝑔. 54).
Uɴᴀ ᴠᴏʟᴛᴀ ǫᴜɪɴᴅɪ ʀɪғɪᴜᴛᴀᴛᴏ ᴅᴀ Pɪᴀ, Uɢᴏ sɪ ᴠᴏᴛᴀ ᴀʟʟᴀ ᴠᴇɴᴅᴇᴛᴛᴀ, ǫᴜᴇʟʟᴀ ᴘɪᴜ̀ ᴇsᴇᴄʀᴀʙɪʟᴇ '𝐴 𝑛𝑜𝑖 𝑑𝑢𝑒 𝑃𝑖𝑎 𝑑𝑒'𝑇𝑜𝑙𝑜𝑚𝑒𝑖! 𝑇𝑢 𝑚𝑖 𝑑𝑖𝑠𝑝𝑟𝑒𝑧𝑧𝑖 𝑚𝑎 𝑖𝑜 𝑡𝑖 𝑜𝑑𝑖𝑜 𝑒 𝑛𝑜𝑛 𝑎𝑣𝑟𝑜̀ 𝑝𝑎𝑐𝑒 𝑓𝑖𝑛𝑜 𝑎 𝑐ℎ𝑒 𝑛𝑜𝑛 𝑚𝑖 𝑠𝑎𝑟𝑜̀ 𝑣𝑒𝑛𝑑𝑖𝑐𝑎𝑡𝑜! 𝐹𝑖𝑛𝑜𝑟𝑎 𝑠𝑜𝑛𝑜 𝑠𝑡𝑎𝑡𝑜 𝑢𝑛 𝑢𝑜𝑚𝑜 𝑑𝑒𝑏𝑜𝑙𝑒, 𝑖𝑛𝑑𝑒𝑐𝑖𝑠𝑜;𝑑' 𝑜𝑟𝑎 𝑖𝑛 𝑎𝑣𝑎𝑛𝑡𝑖 𝑠𝑎𝑟𝑜̀ 𝑢𝑛 𝑑𝑒𝑚𝑜𝑛𝑖𝑜. 𝐸𝑑 𝑖 𝑑𝑒𝑚𝑜𝑛𝑖 𝑜𝑑𝑖𝑎𝑛𝑜 𝑔𝑙𝑖 𝑎𝑛𝑔𝑒𝑙𝑖. 𝐺𝑢𝑎𝑖 𝑎 𝑡𝑒 𝑃𝑖𝑎 𝑑𝑒'𝑇𝑜𝑙𝑜𝑚𝑒𝑖... 𝑔𝑢𝑎𝑖 𝑎 𝑡𝑒! (pag. 46).
Cᴀʀᴏʟɪɴᴀ Iɴᴠᴇʀɴɪᴢɪᴏ ɪɴᴛᴇssᴇ ǫᴜɪɴᴅɪ, ᴄᴏɴ ǫᴜᴇsᴛᴇ ᴄᴀʀᴀᴛᴛᴇʀɪsᴛɪᴄʜᴇ ᴄʜᴇ ᴅɪssᴇᴍɪɴᴀ ɴᴇʟ ᴄᴏʀsᴏ ᴅᴇʟ ʀᴀᴄᴄᴏɴᴛᴏ, ᴜɴᴀ ғɪᴛᴛᴀ ᴛʀᴀᴍᴀ ᴄᴏᴍᴇ sᴏʟᴏ ʟᴇɪ sᴀ ғᴀʀᴇ sᴏᴘʀᴀᴛᴛᴜᴛᴛᴏ ɪɴ ǫᴜᴇɪ ᴛᴇᴍᴘɪ ᴍᴀ sᴇɴᴢᴀ ʟɪᴇᴛᴏ ғɪɴᴇ, Pɪᴀ ᴅᴇ'Tᴏʟᴏᴍᴇɪ ᴍᴜᴏʀᴇ ᴅɪ ɪɴᴇʀᴢɪᴀ ᴇ ᴍᴀʟ ᴅ'ᴀʀɪᴀ, ʟ'ᴀʀɪᴀ ᴘᴇsᴛɪғᴇʀᴀ ᴅᴇʟʟᴀ Mᴀʀᴇᴍᴍᴀ ᴅɪ ᴀʟʟᴏʀᴀ. Iɴᴠᴇʀɴɪᴢɪᴏ ǫᴜᴀsɪ ᴀ ᴠᴏʟᴇʀ sᴜғғʀᴀɢᴀʀᴇ ʟᴀ 'sᴛᴏʀɪᴄɪᴛᴀ̀' ᴅᴇʟ sᴜᴏ ʀᴏᴍᴀɴᴢᴏ ɪɴᴅᴜɢɪᴀ ɴᴇʟʟᴇ ᴘᴀɢɪɴᴇ ғɪɴᴀʟɪ ᴘʀᴏᴘʀɪᴏ sᴜɪ ʟᴜᴏɢʜɪ ᴄʜᴇ ᴠɪᴅᴇʀᴏ ʟᴀ ᴠɪᴄᴇɴᴅᴀ ᴅᴇʟʟᴀ Cᴏɴᴛᴇssᴀ Pɪᴀ ᴅᴇ'Tᴏʟᴏᴍᴇɪ ᴇ ᴄʜᴇ ᴀʟʟᴀ sᴜᴀ ᴇᴘᴏᴄᴀ, ᴇ ᴀɴᴄᴏʀᴀ ɴᴇʟʟᴀ ɴᴏsᴛʀᴀ, ᴘᴏʀᴛᴀɴᴏ ɪʟ sᴜᴏ ɴᴏᴍᴇ. Iʟ Cᴀsᴛᴇʟʟᴏ ᴅɪ Pɪᴇᴛʀᴀ ᴅᴏᴠᴇ Pɪᴀ ᴅᴇ'Tᴏʟᴏᴍᴇɪ ғᴜ ʀɪɴᴄʜɪᴜsᴀ, ᴏʀᴍᴀɪ ᴜɴ ʀᴜᴅᴇʀᴇ, ɪʟ ᴄᴏsɪ̀ ᴅᴇᴛᴛᴏ 'sᴀʟᴛᴏ ᴅᴇʟʟᴀ Cᴏɴᴛᴇssᴀ', ɪʟ ғᴏsso ᴅᴏᴠᴇ sɪ ʀᴀᴄᴄᴏɴᴛᴀ Pɪᴀ ғᴜ ʙᴜᴛᴛᴀᴛᴀ ɢɪᴜ̀ ᴏ ᴀɴᴄᴏʀᴀ ɪʟ ᴘᴏɴᴛᴇ 'ᴅᴇʟʟᴀ Pɪᴀ' ᴄʜᴇ ᴀᴠʀᴇʙʙᴇ ᴀᴛᴛʀᴀᴠᴇʀsᴀᴛᴏ ɴᴇʟ sᴜᴏ ᴜʟᴛɪᴍᴏ ᴏʀᴍᴀɪ ʟᴇɢɢᴇɴᴅᴀʀɪᴏ ᴠɪᴀɢɢɪᴏ ᴅᴀ Sɪᴇɴᴀ ɪɴ Mᴀʀᴇᴍᴍᴀ.



COPYRIGHT dei contenuti dove non diversamente specificato

martedì 1 giugno 2021

Paolina Leopardi III Parte


Dal post precedente   
III Parte La vita sentimentale


Paolina Leopardi nel 1863.
foto Alinari


Paolina Leopardi
di Elisabetta Benucci


Un avvenimento imprevisto, a dir poco memorabile per le conseguenze differenti che ebbe su Paolina e su Giacomo, rischiarò come un lampo la vita dei due fratelli nel dicembre del 1817, quando giunse da Pesaro la cugina ventiseienne Gertrude Cassi, ospite in casa Leopardi insieme al marito, il conte Giovanni Lazzari, e alla figlia Vittoria di otto anni.


L’occasione della visita e del breve soggiorno era l’entrata della piccola Vittoria nell’educandato delle Suore Oblate dell’ Assunta di Recanati. Durante la permanenza degli ospiti, dalla sera dell’11 dicembre alla mattina del 14, Giacomo provò un forte sentimento amoroso per la cugina Geltrude, avvenente signora dagli occhi scuri e dai lunghi capelli castani. Per parte sua, l’ormai diciassettenne Paolina si affezionò a tal punto a quella cuginetta di dieci anni più piccola, da andarla spesso a trovare nel collegio recanatese, dove Vittorina rimase per quattro anni. Iniziò così un’ amicizia che si protrarrà per tutta la vita e che si tradurrà in un carteggio a tratti intenso, durato per ben quarantacinque anni, dal 1822 al 1868. Uscire da palazzo Leopardi, lasciarsi alle spalle l’odiata Recanati e la sua gente rozza e pettegola: era questo il desiderio più intenso di Paolina, ma anche il più difficile da realizzare nelle sue condizioni. Molta della sua infelicità fu legata, negli anni giovanili, alle mancate nozze. Il matrimonio infatti era l’unico modo per lasciare le mura domestiche, per liberarsi da quelle catene che l’opprimevano. Sposarsi significava però accettare altre catene, sperando che fossero più lievi. Per lungo tempo, la contessina sperò che il matrimonio, oltre a realizzare il sogno di una ragazza appassionata, le permettesse di cambiare quell’insopportabile sistema di vita. È anche vero che maritarsi per una ragazza del secolo XIX era un passo obbligato, pena l’alternativa di monacarsi o di restare umiliate zitelle. Per questo tutta la famiglia era alla ricerca di un “buon” partito per la contessina.

A quei tempi, soprattutto per una fanciulla di nobile casato, il matrimonio era quasi sempre una questione di interesse, con interminabili trattative sull’ ammontare della dote, sulle garanzie e sulle modalità di pagamento. Il patrimonio dei Leopardi non consentiva di assicurare a Paolina una dote cospicua, che potesse competere con quella di cui erano fornite le sue concorrenti, cioè le altre ragazze nobili in età da marito. Se a questo si aggiungeva la poca avvenenza e la timidezza della ragazza, oltre al requisito che il pretendente dovesse avere origini nobiliari, si capisce quanto la ricerca di un marito per Paolina fosse un’impresa ardua e, alla fine, disperata.

Il primo pretendente fu un certo Pietro Peroli, vedovo trentaquattrenne di Sant’ Angelo di Vado, cittadina nei pressi di Urbino, con il quale i Leopardi furono in trattative nel 1821. Per il matrimonio, dato per certo nel 1821, Giacomo compose la canzone Nelle nozze della sorella Paolina. Il matrimonio sfumerà miseramente per questioni economiche. Anche le successive trattative matrimoniali con il nobile e giovane marchigiano Raniero (Ranieri) Roccetti di Filottrano (l’unico per il quale Paolina provò una certa infatuazione amorosa), con il cav. Marini di Roma, Direttore generale del Censo (uomo di circa quarantacinque anni, vedovo con una figlia, ma pronto a seconde nozze perché desideroso di un erede maschio), con lo squattrinato Leopoldo Staccoli di Urbino, con il giovane marchese Stefano Castellani di Treia (che la rifiuterà soprattutto per il suo aspetto fisico), non andranno a buon fine.

Paolina capì che più nessuno sarebbe venuto a prenderla. Se non la pace, per lei fu almeno la quiete. Per sfuggire alla solitudine e alla disperazione di vivere reclusa nel palazzo di Recanati, Paolina intensificò l’attività intellettuale. La scrittura e la lettura diventarono ben presto il suo mondo: era l’unico modo per sopravvivere all’infelicità, ai mancati matrimoni, al carcere familiare. Ed era l’unico modo per difendersi dalle intrigate e dolorose questioni di famiglia: costrizioni, fughe, liti patrimoniali e parentali, lutti, morti sospette, funerali controversi, questioni legate alla dispersione dei manoscritti del fratello e alla loro pubblicazione, oltre alla presunta conversione di Giacomo in punto di morte. 


Continua al prossimo post


Immagini fornite dall'autrice


COPYRIGHT dei contenuti dove non diversamente specificato

lunedì 17 maggio 2021

Paolina Leopardi l'infanzia a Recanati II Parte



L'infanzia a Recanati  II Parte

Paolina Leopardi
e
suo fratello Giacomo



Paolina Leopardi

di Elisabetta Benucci



Paolina Francesca Saveria Salesia Placida Polancina Aloisia, così venne battezzata, fu la terzogenita dopo Giacomo (1798-1837) e Carlo (1799-1878). Sarà l’unica figlia femmina dei dodici figli venuti al mondo da Monaldo e da Adelaide.


A quell’epoca, Recanati era uno sperduto borgo dello Stato della Chiesa, molto lontano dai circuiti culturali importanti. Più volte il vivere in quel luogo fu definito da Giacomo Leopardi «soggiorno orrendo», «soggiorno disumano», «prigione». Paolina odiò e disprezzò Recanati non meno di Giacomo, indicandolo come «orribile paesaccio», «soggiorno abbominevole ed odiosissimo», «canile».


Recanati 
La famiglia Leopardi poteva essere considerata tra le più importanti della nobiltà terriera marchigiana, ma si trovava in cattive condizioni patrimoniali, tanto da dover osservare una rigida economia per conservare il decoro che il rango nobiliare imponeva. Monaldo era un uomo colto, che aveva fornito il suo palazzo una notevole biblioteca, ma di cultura attardata e accademica. I suoi orientamenti politici erano fortemente reazionari, ostili alle nuove idee diffuse dalla Rivoluzione francese e dalle campagne napoleoniche.
Paolina, insieme ai fratelli Giacomo e Carlo, crebbe in questo ambiente, che influenzò le sue idee e i suoi orientamenti. La vita familiare era scandita essenzialmente dalla madre Adelaide, donna di una bellezza severa e malinconica, che Paolina definiva fredda e poco sensibile. La giovane donna, infatti, trovava insopportabile il tipo di vita instaurato in casa dalla madre, la quale, quando la poco assennata condotta del marito aveva rischiato di compromettere il patrimonio e il buon nome dei Leopardi, aveva preso in mano le redini dell’amministrazione familiare, stabilendo a palazzo un regime di inflessibile economia e sottoponendo tutti a durissime e persino mortificanti privazioni.
Nonostante ciò, Paolina riuscì a trascorrere un’infanzia spensierata, animata dai giochi con i fratelli; nel gioco dell’altarino ella fingeva di essere un prete e di celebrare la messa, tutta compunta nel suo abito scuro e austero; per il taglio di capelli, che la rendeva più simile a un fraticello che a una contessina, fu soprannominata da Giacomo “don Paolo”.


Recanati
 Palazzo Leopardi
In modo atipico per i costumi dell’epoca, che non riservavano alle figlie femmine una solida istruzione, Paolina fu educata insieme ai fratelli maschi da precettori ecclesiastici, in particolare da don Sebastiano Sanchini, nella grande biblioteca di famiglia.
L’anno scolastico di Giacomo, Carlo e Paolina si concludeva, per volontà del conte Monaldo, con una solenne prova d’esame, che si teneva tra gennaio e febbraio. L’insegnamento era svolto nel corso di due semestri, alla fine dei quali i fratelli dovevano presentare un saggio delle loro cognizioni nella materie nelle quali si erano applicati. Davanti agli invitati e ai membri della famiglia dovevano rispondere in latino alle domande dei pedagoghi.
Paolina si mostrò preparatissima a sostenere, nel febbraio 1810, l’esame su ben quaranta domande di cultura varia; rispose con precisione e prontezza a venti domande sulle scienze – intorno alle meteore, al vento, alla pioggia, al tuono, alla luna, alle stelle cadenti, alle comete, alle eclissi, al flusso e riflusso del mare – e a venti sulla storia, in particolare sulla storia della Spagna, Portogallo, Svezia, Danimarca e Norvegia.

Recanati
Cominciava così a prendere forma quella «dotta grammatica e letterata», «erudita traduttrice di Marco Tullio Cicerone», «erudita Signorina» come, di volta in volta, la definì Giacomo nelle sette odicine a lei dedicate nel 1810. Nei versi puerili di Giacomo la bambina sorella viene chiamata due volte col biblico epiteto di «forte», che vuole alludere alle sue capacità intellettuali. Queste furono davvero notevoli, educate dai buoni studi d’infanzia; e scrivere sotto dettatura del fratello giovò certamente alla sua cultura. Aveva solo dodici anni Paolina quando iniziò la sua attività di «copista», con la sua minuta e saltellante scrittura, prestando a Giacomo la sua mano e molto del suo tempo per copiarne appunti, opere, epistole.
Di riflesso ai «sette anni di studio matto e disperatissimo» che impegnarono Giacomo fra il 1810 e il 1817 circa, all’ombra dei tanti libri che Monaldo acquistava per il primogenito, la sorella, pur continuando a compiere i suoi doveri senza discussioni e a obbedire sempre e comunque ai genitori, si formò un’ampia e profonda cultura, soprattutto se si considerano i tempi e il luogo in cui visse. Imparò il latino, lesse testi classici e biblici, si avvicinò alla prosa straniera, imparando in modo eccellente il francese, oltre a leggere e a tradurre l’inglese e il tedesco. Studiò la storia e si appassionò alla musica. Scriveva, e anche questo è un dato di non poco conto per quell’epoca, in un italiano colto, corretto e preciso, talvolta gradevole con un’essenzialità compositiva che si adattava alle esigenze delle situazioni, come mostrano i suoi scritti in prosa e le sue tante lettere. Anche in questo aveva giocato un ruolo decisivo quella perfezione compositiva che i critici hanno concordemente riconosciuto alla prosa epistolare di Giacomo Leopardi. Paolina insomma assume quelle caratteristiche culturali che la resero «sensibilissima» e «istruita al di sopra di quattro quinti delle vostre pari», sempre secondo il giudizio del fratello, espresso nella lettera del 19 marzo 1823.

Continua al post successivo
Immagini fornite dall'autrice
















COPYRIGHT dei contenuti dove non diversamente specificato